Smart working: come risparmiare sulle bollette

Con la grande diffusione dello smart working da casa negli ultimi tempi, molti siti dedicati alle utenze per la casa, non ultimo CheTariffa.it, si sono interrogati su come fare per risparmiare sulle bollette luce e gas.

Sebbene possa sembrare una cosa banale, in realtà l’analisi dei consumi domestici è qualcosa che, in questo momento storico, ha assunto un’importanza molto significativa. Lavorare 40 ore o più a settimana, utilizzando energia elettrica, acqua e gas del proprio domicilio, comporterà un aumento delle bollette non indifferente.

Ora che queste spese, differentemente dal passato, vanno a pesare sul bilancio familiare e non più su quello dell’azienda in cui si lavora, com’è possibile risparmiare sensibilmente sui consumi e godersi al massimo tutti i vantaggi del lavorare da casa?

10 consigli per consumare meno durante lo smart working

  1. Trova modi migliori per riscaldare e raffreddare la tua casa

Ben la metà dell’elettricità utilizzata nelle case è destinata al riscaldamento e al raffreddamento. Di seguito sono riportati alcuni modi in cui la bolletta elettrica può essere ridotta attraverso adeguamenti agli impianti:

– installa un ventilatore da soffitto;

– sostituisci periodicamente i filtri dell’aria su condizionatori e riscaldatori;

– imposta il termostato alla temperatura corretta;

– installa un cronotermostato;

– installa una stufa a legna o pellet.

  1. Installa uno scaldabagno senza serbatoio

Gli scaldabagno senza serbatoio o istantanei forniscono acqua calda solo se necessario. Non producono le perdite di potenza in standby associate ai tradizionali riscaldatori ad accumulo, contribuendo a risparmiare sui costi energetici. Quando il rubinetto è aperto, l’acqua fredda scorre lungo un beccuccio e nell’unità. Un fornello a gas o un elemento elettrico riscalda l’acqua solo nel momento in cui questa operazione è necessaria.

  1. Sostituisci le luci ad incandescenza

Una tipica casa spende l’11% del suo fabbisogno energetico per l’illuminazione. Le luci a incandescenza tradizionali convertono solo il 10% circa dell’energia che consumano in luce, mentre il resto viene trasformato in calore. L’uso di nuove tecnologie di illuminazione, come i LED e le lampade fluorescenti compatte (CFL), può ridurre il consumo energetico richiesto dalle luci dal 50% al 70%.

  1. Isola termicamente la tua casa

Isolare termicamente la casa è uno dei modi più economici per renderla più confortevole ed efficiente dal punto di vista energetico. Una casa ben isolata può migliorare il comfort e la qualità dello spazio interno, riducendo al contempo la spesa della bolletta elettrica.

  1. Utilizza gli elettrodomestici in modo responsabile

Gli elettrodomestici rappresentano circa il 20% della bolletta elettrica per una casa. Di seguito sono riportati alcuni suggerimenti che ti aiuteranno a ridurre l’energia richiesta da questi dispositivi:

  • Frigoriferi e congelatori non devono essere vicini a fornelli, lavastoviglie, termoventilatori o esposti alla luce solare diretta. La loro esposizione a zone calde li farà consumare più energia per mantenere bassa la temperatura.
  • I computer devono essere spenti quando non sono in uso. Secondo alcuni studi, questi dispositivi sono responsabili di circa il 3% di tutto il consumo di energia nelle case degli italiani.
  • Utilizzare elettrodomestici ad alta efficienza energetica; se solo il 10% delle case utilizzasse elettrodomestici ad alta efficienza energetica, si ridurrebbe l’impronta di carbonio in modo davvero significativo.
  • I caricabatterie, come quelli utilizzati per laptop e telefoni cellulari, consumano energia quando sono collegati. Quando non sono collegati al dispositivo dedicato, questi devono essere staccati dalla presa di corrente.
  1. Installare l’illuminazione naturale come alternativa a quella elettrica

L’illuminazione diurna garantita dal sole è la migliore sostituta dell’energia elettrica per illuminare l’interno della casa. Sfruttala ogniqualvolta possibile!

  1. Cucina in modo intelligente

Durante la cottura viene sprecata un’enorme quantità di energia. I seguenti suggerimenti e statistiche illustrano metodi di cottura meno dispendiosi:

  • I forni a convezione consumano circa il 20% in meno di elettricità rispetto ai forni convenzionali;
  • I forni a microonde consumano circa l’80% in meno di energia rispetto ai modelli convenzionali;
  • Le pentole devono essere posizionate su un fuoco della loro stessa dimensione;
  • L’uso dei coperchi su pentole e padelle riscalderà il cibo più velocemente;
  • Le pentole a pressione riducono drasticamente i tempi di cottura.

Osservando in modo scrupoloso queste regole, magari affiancandole ad una bolletta luce e gas più vantaggiosa, ti sarà possibile lavorare comodamente da casa e ridurre al minimo i consumi e gli sprechi!

Potrebbero interessarti anche...