Microlavori, offerte numerose da parte dei freelance 

La nuova economia di collaborazione digitale non è solo composto da you-tubeurs o da grandi giganti del web. 

L’economia digitale ha altre pratiche e forme di lavoro. Questo è in particolare il caso del “micro-lavoro”, una pratica in forte espansione.

Di fatto si sente parlare sempre più spesso di microlavori effettuati dai freelance, ma in cosa consistono? I microlavori sono un insieme di piccole attività digitali che per la loro particolarità non possono ancora essere facilmente robotizzate (umanamente parlando abbiamo ancora un margine di insostituibilità), che sono subappaltate su piattaforme digitali. 

Il freelance e i microlavori sono diventati la principale fonte di reddito per molte delle persone che guadagnano online; un tipo di lavoro molto diffuso tra webmaster e speaker professionisti.

Nei micro siti di lavoro, si può guadagnare denaro a lungo termine. Tutto quello che devi fare è pubblicare le tue abilità come Gigs e aspettare che le tue abilità vengano richieste.

Questi microlavori devono essere eseguite dagli utenti di Internet. Poiché possono essere molto diversi, hanno bisogno di qualifiche diverse. Su queste piattaforme è possibile trovare, ad esempio: richieste di identificazione delle immagini, la verifica delle parole chiave, oppure  richieste di traduzioni in diverse lingue. Un altro microlavoro è la domanda di informazioni circa come “registrarsi su siti web”, ma anche l’esigenza di scritti da inserire come commenti su forum o siti web. Per questo tipo di ”lavori” non mancano le offerte, che provengono in massima parte da aziende e grandi gruppi.

La stessa Amazon ha realizzato la piattaforma Mechanical Turk, rendendo popolare il jobbing, che include più di 500.000 micro-lavoratori regolari. 

Considerate che sono più di cento milioni nel mondo, i microlavoratori, e la loro provenienza è principalmente dai paesi in via di sviluppo come l’Africa e l’Asia. 

Potrebbero interessarti anche...