La Cartomanzia, dalle origini ad oggi

CartomanziaLe prime testimonianze documentate risalgono al ‘700 perchè per moltissimi anni è stata un’arte tramandata solo oralmente. Intorno al 1770 fu scritto un vero e proprio manuale di cartomanzia, “ou la seule manière de tirer les cartes”, quest’ultimo spiegava nel dettaglio come utilizzare le carte da gioco per predire il futuro.

Essenzialmente praticare cartomanzia consiste nel ricavare delle informazioni riguardo situazioni attuali o future e quali saranno le conseguenze delle scelte prese, tutto questo sulla base del significato assegnato ad ogni singola carte ed alla loro stesura.

La cartomanzia è un’arte che non tutti sono in grado di praticare e per questo è necessario rivolgersi ad un vero cartomante, che abbia in “dono” di saper leggere ed interpretare correttamente le carte. Solitamente questo “dono” si tramanda di generazione in generazione. Questo è il motivo per cui un cartomante spesso proviene da una famiglia in cui già i suoi avi praticavano la cartomanzia attraverso l’uso della carte.

Al giorno d’aggi, purtroppo, ci sono molti individui che, semplicemente per trarne un proprio vantaggio economico, si fingono cartomanti in grado di predire il futuro e liberare le persone da fantomatici incantesimi o malocchi, in cambio di grosse somme di denaro.

D’altro canto, fortunatamente, ci sono ancora dei veri cartomanti che portano avanti la loro missione con profondo altruismo e con il solo scopo di aiutare concretamente chiunque a superare momenti difficili oppure i piccoli ostacoli della vita di tutti i giorni, grazie ad una seria ed affidabile lettura delle carte con il mazzo dei tarocchi, delle sibille, delle carte napoletane…

Ad oggi, la maggior parte dei cartomanti veri, collaborano con dei centri servizi specializzati nella cartomanzia telefonica, questo semplicemente perché li mette di condizione di poter aiutare un maggior numero di persone durante il giorno rispetto ad un consulto fatto di persona in uno studio proprio.

Potrebbero interessarti anche...