Come scegliere l’hard disk esterno più adatto alle vostre esigenze

Se hai bisogno di un hard disk esterno sul quale archiviare i tuoi file o hai bisogno di una memoria capiente e sicura sulla quale mettere il backup del tuo PC, scegli quello giusto per te, il migliore in base alle tue necessità.

Non serve lavorare tante ore al computer per avere l’esigenza di un hard disk esterno, ma si tratta sicuramente di un apparecchio importante e utile. Dal momento che questi apparecchi hanno un certo costo e che, se ben tenuti, possono anche durare moltissimi anni, è bene scegliere bene e con attenzione che cosa si acquista. In commercio ormai questo tipo di memoria esterna è molto diffusa, ma non sempre il rapporto qualità prezzo vale la pena.

Le memorie esterne hanno diverse peculiarità a cui badare prima di acquistare il prodotto. Nello specifico bisogna prendere in considerazione:

  • la capienza, cioè lo spazio per i dati;
  • le dimensioni dell’apparecchio espresse in pollici;
  • la velocità di rotazione, ovvero la velocità di accesso ai dati sul disco;
  • la velocità del trasferimento dei dati;
  • l’alimentazione, ci sono apparecchi autoalimentati e altri connessi a corrente;
  • la resistenza a urti, fatalità e intemperie.

Specifiche da controllare per l’acquisto di un buon hard disk

Quando acquisti un hard disk devi riflettere sull’uso che ne farai, quindi se pensi che spesso lo porterai con te, scegli delle unità leggere e compatte. Per esempio vi sono hard disk da 2,5 pollici che sono autoalimentati grazie ad un cavetto USB direttamente dal tuo computer o altro dispositivo, lo stesso che serve per farli funzionare.

Se non hai esigenze di spostare l’apparecchio spesso, vanno benissimo anche i dischi da 3,5 pollici più ingombranti, ma decisamente più grandi e di solito con un alimentatore separato. In questo caso quindi  si utilizzeranno due cavi: uno per alimentare l’apparecchio alla corrente e un altro per collegarlo al tuo PC. Il maggiore ingombro compensa una velocità maggiore dell’apparecchio di circa 7.200 rpm, rispetto alla velocità di rotazione di 5.400 dei dischi da 2,5 pollici. In genere gli apparecchi da 3,5 pollici sono anche più economici.

Per quanto riguarda la velocità di trasferimento dei dati, la maggioranza degli apparecchi presenti sul mercato hanno una velocità standard USB di 3.0, che assicura uno spostamento che può arrivare a 4.8 Gbps. Questa è la velocità consigliata ad oggi. Un tempo questo valore era USB 2.0, ma comunemente gli apparecchi funzionano comunque anche su PC con porte 2.0, anche se ovviamente la velocità è quest’ultima. In commercio inizia ad esserci anche qualche disco di memoria con velocità USB 3.1, un’ulteriore evoluzione che però in molti casi richiede l’uso di connettori specifici e più piccoli, gli USB Type-C, quindi prestate attenzione. Anche il sistema Thunderbolt richiede particolari tecnologie e di porte specifiche, quindi anche in questo caso non va bene su tutti i PC.

Quando si acquista una memoria esterna per il PC bisogna anche valutare la memoria di cache, cioè quella in cui il sistema archivia in modo temporaneo i dati per velocizzarne il caricamento (espressione in MB); le tempistiche di accesso ai dati (espressi in millisecondi, in correlazione con la velocità di rotazione), la temperatura dell’apparecchio in funzione. Ultimo la resistenza del disco a urti e intemperie, che dipende anche dalla struttura dell’apparecchio. L’hard disk esterno può essere comprato già assemblato o a parte, acquistando poi il corrispondente box per memorie esterne che ne permette il trasporto e che può essere di diversi materiali più o meno resistenti.

Potrebbero interessarti anche...