Tutto quello che c’è da sapere sulle Elezioni Politiche 2018

Dopo la firma del decreto che prevede lo scioglimento delle Camere da parte del Presidente della Repubblica, il consiglio dei ministri ha deliberato il 4 marzo 2018 come data in cui i cittadini italiani torneranno alle urne per il rinnovo del Parlamento, ovvero per l’elezione dei 630 deputati e dei 315 senatori elettivi della XVIII legislatura.

In data 4 marzo 2018, i seggi elettorali rimarranno aperti dalle 7:00 di mattina, alle 23:00 di sera. Allo scadere di questa finestra temporale inizieranno le operazioni di scrutinaggio, a opera dei componenti dei seggi. Lo spoglio delle schede dovrebbe terminare entro le prime ore del mattino del 5 marzo, quando saranno comunicati i risultati definitivi delle elezioni politiche.

Elezioni Politiche 2018: come si vota

Alle elezioni politiche del 4 marzo 2018 sarà applicata la nuova legge elettorale, il Rosatellum bis, a sistema misto proporzionale e maggioritario. Ogni partito, per partecipare alle elezioni, dovrà indicare il capo politico della lista, mentre non sarà prevista l’indicazione del capo della coalizione.

Lo sbarramento per entrare in Parlamento sarà del:

  • 3% per le liste;
  • 10% per le coalizioni, con l’obbligo di avere al proprio interno almeno un partito in grado di raggiungere il 3% dei voti.

Al lettore sarà consegnata una scheda per la Camera e una per il Senato, ognuna delle quali presenterà il simbolo di ciascuna lista, o della coalizione a esso collegate, e il nome del candidato nel collegio uninominale. I contrassegni delle liste presenteranno a fianco i listini proporzionali con i nomi dei candidati nel collegio plurinominale.

Per esprimere il voto sarà necessario tracciare un segno sulla scheda elettorale:

  • indicando un candidato al collegio uninominale;
  • indicando il partito e la lista dei candidati nel collegio plurinominale.

Sarà possibile esprimere la propria preferenza politica anche tracciando due segni:

  • indicando un candidato al collegio uninominale e una delle liste che lo appoggiano.

Non sarà ammesso il voto disgiunto, ovvero non sarà possibile votare una lista diversa da quelle che appoggiano il candidato che si sarà provveduto a scegliere. Inoltre, non sarà consentito esprimere preferenze sui singoli candidati della lista proporzionale.

Elezioni Politiche 2018: agevolazioni per chi si trova fuori sede

Per gli elettori residenti in Italia o all’Estero saranno previste agevolazioni nelle tariffe, qualora si mettano in viaggio per raggiungere il proprio comune d’iscrizione elettorale. Le agevolazioni saranno applicate dalle società o dagli enti che si occupano di gestire i servizi di trasporto aereo, marittimo, ferroviario e autostradale. Coloro che decideranno di avvalersi di tali vantaggi, durante il viaggio di ritorno, dovranno mostrare, oltre al documento di riconoscimento, la tessera elettorale vidimata.

Elezioni Politiche 2018: i partiti e i candidati

Gli schieramenti politici che potranno essere votati durante le elezioni politiche del 2018 sono:

  • La coalizione di centrodestra: cioè Forza Italia guidato da Silvio Berlusconi; la Lega guidata da Matteo Salvini; Fratelli d’Italia guidato da Giorgia Meloni; Noi con l’Italia guidato da Raffaele Fitto; Energie per l’Italia guidato da Stefano Parisi; Udeur guidato da Clemente Mastella.
  • Nel centrosinistra: il Partito Democratico guidato da Matteo Renzi; Civica Popolare guidato da Beatrice Lorenzin; Lista + Europa guidato da Emma Bonino.
  • A sinistra: Liberi e Uguali guidato da Pietro Grasso.
  • Altre formazioni: il Movimento 5 Stelle guidato da Luigi Di Maio; Rinascimento guidato da Vittorio Sgarbi; Potere al Popolo guidato da Viola Carofalo; Casapound guidato da Simone di Stefano.

Fonte: SkyTG24 Elezioni

Potrebbero interessarti anche...